menu

 photo home_dpdp_zps5d54fd4e.png  photo chi_sono_dpdp_zpsfb5fadb6.png  photo ricette_dpdp_zpsd793bcb7.png  photo link_dpdp_zpsc837a305.png

Non chiedetemi cos'è! - Strudel di brisée con mele e mandorle


Sì, appunto, perché non saprei rispondervi.
Avevo una confezione di Pasta Brisée già pronta in frigo, di solito la utilizzo per strudel e torte salate… Avevo anche un pensiero fisso: riprodurre lo scrigno di mele e mandorle di un ristorante giapponese che frequento spesso. Ormai penso si sia capito che quest’abbinamento è uno dei miei favoriti!

Quello mangiato nel ristorante era fatto con la pasta fillo, ma io proprio non riesco a trovarla in questa landa dimenticata da Dio (a proposito, se avete suggerimenti in proposito, fatevi avanti!), così ho utilizzato la cara Brisée, senza pensarci troppo…

Ne è venuto fuori un esperimento riuscito: il sapore del ripieno è praticamente identico a quello desiderato, morbidoso, profumato e delicatissimo!
Certo la pasta fillo ci sarebbe stata molto meglio, ma pazienza, per ora il mio esperimento me lo tengo così com’è!

La ricetta è praticamente inesistente: accendete il forno a 200°, nel frattempo tirate fuori dal frigo la Brisée e assottigliatela un po’ con il mattarello; su una padella calda fate tostare una manciata di mandorle a lamelle, giusto qualche minuto e lasciate raffreddare;
in una ciotola mescolate un po’ di farina di mandorle a qualche cucchiaio di zucchero e della cannella (le dosi non esistono, calcolate il giusto per stenderne uno strato sulla base della Brisée ) e aggiungete un po’ di latte finché non raggiungerete la consistenza di una cremina densa; stendete il composto sul disco di pasta, poi affettate 2 mele, irroratele con il succo di un limone e adagiatele sopra la cremina; cospargete il tutto con le mandorle a lamelle, chiudete il disco di pasta come per uno strudel, pennellatelo con un tuorlo stemperato con un goccio di latte, cospargetelo di zucchero ed infornate per circa 25 min!

Note: io ho aggiunto anche dei pistacchi interi, giusto per abbondare con la frutta secca, e ci stavano benissimo, ma non sono assolutamente indispensabili!

9 commenti:

  1. questo "non so cosa" è buonissimo a giudicare dalla ricetta, la descrizione e la foto della cremina di mandorle interna mi stuzzica proprio...braverrima :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Cuochella! Ahahahah "braverrima" mi piace proprio! Buon week end! baci!

    RispondiElimina
  3. Gnam gnam... che delizia di esperimento!! ... pasticcino però... rispondimiiiii!!!!!! Grrrr ;) Guarda che vengo a finire tutte le tue scorte in dispensa così non potrai più farti prendere dall'estro creativo! Attenzione!!

    RispondiElimina
  4. questo fine settimana è il compleanno della Bene e questa ricettina si è aggiudicata il primo posto nella lista dei dolci da fare per l'occasione...sembre deliziosa!!!

    RispondiElimina
  5. @ Nightfairy: grazie!
    @ Albart: già già, tra un po' è il compleanno della Bene!! Brava brava, sono contenta che tu gli faccia questo dolcino! Prossimamente ne vedrai uno anche meglio! Baci bella!

    RispondiElimina
  6. wowwwww che meraviglia! davvero splendido! ciao Ely

    RispondiElimina
  7. @ Ely: grazie! E benvenuta! Baci

    RispondiElimina
  8. macché, la pasta fillo è introvabile! (oddio, io almeno non la trovo, forse è introvabile a me...)

    però se ti può consolare vaniglia ha postato una ricetta per farla a casa, non sembra nemmeno troppo complicata da fare, quasi quasi...

    RispondiElimina

Commenta: mi fa piacere sapere la tua opinione!

Creative Commons License
Dalla parte dei pasticcini by Carlotta Ercolini is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.
Based on a work at dallapartedeipasticcini.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://dallapartedeipasticcini.blogspot.com/.