menu

 photo home_dpdp_zps5d54fd4e.png  photo chi_sono_dpdp_zpsfb5fadb6.png  photo ricette_dpdp_zpsd793bcb7.png  photo link_dpdp_zpsc837a305.png

La schiacciata con l'uva

Stiacciata con l'uva 1

Solo mentre scrivo mi rendo conto che oggi, 23 Settembre 2014, è l'Equinozio d'Autunno. Una fortunata coincidenza, giacché la ricetta che vi propongo è l'essenza stessa di Settembre. 




La stiacciata con l'uva (o pan con l'uva) è infatti il dolce povero che si preparava tradizionalmente durante la vendemmia, con l'uva canaiola, dolce e dall'acino tondo e piccino. Ora la si trova facilmente in tutti i panifici e addirittura al supermercato, ma certo la soddisfazione di prepararsela in casa le fa acquisire tutto un altro sapore. 



Organizzate una passeggiata con gli amici e portatela per fare merenda all'aperto, tutti insieme: godetevene ogni morso mentre intorno a voi le sfumature autunnali tornano a dipingere gli alberi e il cielo. 
Avrete così un momento perfetto.


La ricetta è di Paolettacollaudata, ben proporzionata e di sicura riuscita. Ha un profumo divino e un sapore appagante che crea dipendenza. 

Non avete scuse: celebrate l'arrivo di Settembre con questa meravigliosa stiacciata e vedrete che diventerà una piacevole tradizione annuale, perché non riuscirete più a farne a meno.


Stiacciata con l'uva (fetta)


PER L'IMPASTO


400 g di farina Manitoba

10 g di lievito di birra fresco
260 ml acqua a temperatura ambiente
4 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio evo

PER IL RIPIENO


1 kg di uva nera da vino (chiedete quella per la schiacciata, varietà Canaiolo nero)

6 cucchiai di zucchero semolato extrafine
olio evo

I. Sciogliete nell'acqua il lievito sbriciolato e lo zucchero. Nell'impastatrice (o in una grossa ciotola) versate la farina, il sale e l'olio e lasciate colare a filo l'acqua in cui avete sciolto lievito e zucchero, impastando il minimo indispensabile affinché tutti gli ingredienti siano amalgamati. Coprite la ciotola con la pellicola e trasferite in frigo per 12 ore.

II. Trascorse le 12 ore tirate fuori l'impasto dal frigo e lasciatelo tornare a temperatura ambiente (minimo 2 ore). Rovesciatelo sulla spianatoia e lavorate l'impasto secondo le indicazioni che trovate qui (si tratta delle pieghe di tipo 1, ben fotografate passo passo nel link da Paoetta). Dividete l'impasto in 2/3 + 1/3 (una parte più grande per fare la base e una più piccola per la superficie) e lasciate riposare per un'ora e mezzo coperto da un canovaccio pulito.


NB. POTETE SALTARE IL PASSAGGIO DELLE PIEGHE IMPASTANDO IL TUTTO A MANO PER MINIMO 10 MINUTI E FACENDO RIPOSARE UGUALMENTE PER UN'ORA E MEZZO


III. Ungete una teglia rettangolare da forno non troppo grande e stendete la parte più grande dell'impasto direttamente sulla teglia, allargandolo con le mani e cercando di lasciare i bordi un po' più alti rispetto al centro. Ricoprite con 700 g dell'uva, 3 (o anche di più, se volete) cucchiai di zucchero e un giro d'olio (io non l'ho fatto, ma la ricetta lo prevede). Stendete sulla spianatoia l'altra parte di impasto ed adagiatelo sulla teglia, facendolo combaciare con i bordi della base, ripiegandoli un po' verso l'alto per sigillare bene il ripieno. Coprite con l'uva rimasta, altri 3 cucchiai di zucchero e altro olio.


IV. Solo in questo momento accendete il forno a 200°  in modo che la schiacciata abbia un po' di tempo per lievitare ulteriormente. Quando il forno avrà raggiunto la temperatura infornate  e lasciate cuocere per 50 minuti/ un'ora circa, ma controllate sempre perché il tempo varia a seconda del vostro forno. L'importate è che sia bella dorata e abbia un aspetto lucido. Lasciatela intiepidire prima di tagliarla.




24 commenti:

  1. Bentornata e buon Autunno Pasticcino! Che bella ricettina, so che riuscirei a mangiarne una intera!

    RispondiElimina
  2. Ma che delizia! Dalle nostre parti (Umbria) non l'abbiamo mai vista...ma hai ragione, è tempo dell'uva giusta e bisogna proprio provarla! Abbiamo scoperto anche noi con piacere il tuo blog, grazie per averci lasciato il commento! Da oggi saremo tue nuove lettrici:)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì è proprio una ricetta tipica di Firenze e province limitrofe... A presto!

      Elimina
  3. Ho visto questa schiacciata da Simona Biancavaniglia e ora appare qui... ho sempre più voglia di provarla e lasciarmi sedurre dalla bontà dell'uva nera in un lievitato! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il connubio tra uva e pasta lievitata è davvero sublime, credimi! Felice di averti incuriosita...

      Elimina
  4. Appena giunta qui, la tua schiacciata deliziosa si è presentata in tutta la sua bontà, Carlotta! Grazie per avermi dato l'opportunità di conoscere questo angolo delle delizie! A prestissimo!
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  5. Ma che bella che è la tua schiacciata!!!
    Bravissima Carlotta!!!
    Un caro abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, a presto e un abbraccio a te!

      Elimina
  6. Maaaaai fatta! Ogni anno di questo periodo vedo ricette su ricette di questa schiaccia, ma mai preparata! Devo rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia anche io c'ho messo un'eternità prima di decidermi a farla però davvero, una volta assaggiata non la si molla più!

      Elimina
  7. una volta provata, questa schiacciata ti resta nel cuore. troppo buona :)
    verrebbe da dare un morso al monitor :D
    baci, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione Federica... addenta pure eh! bacio

      Elimina
  8. Questa schiacciata è favolosa!!!! bellissima realizzazione, complimenti!!!! deve essere di una bontà superlativa ..... ne prenderei volentieri una fettina, magari proprio quella deliziosa fettina che sta ammiccando dal monitor ......
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìsì è proprio buonissima davvero... prova a farla! a prestissimo!

      Elimina
  9. Che buona, trovo che oltre ad essere buona sia anche bella! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  10. Ma che bella pagina che scopro!!! Questa schiacciata si mangia con gli occhi e ogni tua proposta è deliziosamente avvolgente. Grazie per essere passata da me, consentendomi di conoscerti. Ti seguirò con vero piacere.
    Complimenti ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erica, grazie davvero! Allora a presto!

      Elimina
  11. E' una favola sai, sono contenta di conoscerti... un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela anch'io, davvero! grazie mille, sei troppo dolce. Un bacio

      Elimina
  12. Che meraviglia.....da oggi sto anch'io ....dalla parte dei pasticcini...........

    RispondiElimina

Commenta: mi fa piacere sapere la tua opinione!

Creative Commons License
Dalla parte dei pasticcini by Carlotta Ercolini is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.
Based on a work at dallapartedeipasticcini.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://dallapartedeipasticcini.blogspot.com/.